Si possono identificare tendenzialmente cinque fasi per implementare un sistema a.b.c.:

  • Pianificazione del sistema
  • Analisi delle risorse e delle attività
  • Determinazione dei driver delle risorse e l’attribuzione delle risorse alle attività
  • Determinazione dei driver delle attività e l’attribuzione dei costi ai prodotti/servizi
  • Definizione del costo pieno

Prima fase – Pianificazione del sistema

E’ una fase fondamentale per l’implementazione del sistema a.b.c.. Quali sono i punti cardine di una buona pianificazione?

  • Il coinvolgimento di tutto il personale, spiegando le finalità e modalità di funzionamento del sistema (in questo modo si favorisce l’accettazione e si riduce il rischio di rigetto del sistema)
  • La formazione di coloro che diventeranno utenti del sistema
  • La destinazione delle necessarie risorse finanziare per l’investimento

Seconda fase – Analisi delle risorse e delle attività

In primis è necessario identificare i costi delle risorse (o fattori produttivi) necessarie per lo svolgimento delle attività dal conto economico (ideale quello di budget ma può andar bene anche quello annuo o periodico se rappresentativo).

E’ utile l’impiego di diagrammi di flusso per identificare le attività e le loro parti elementari, come interagiscono ed i processi. Ogni attività è esaminata esplicitando i flussi di input e output e viene scomposta nei “compiti” che devono essere svolti per la sua realizzazione.

Terza fase – Determinazione dei driver delle risorse ed attribuzione delle risorse alle attività

I driver delle risorse assegnano i costi dei fattori utilizzati alle attività in base alla relazione esistente tra lo svolgimento delle attività e il consumo delle risorse. Con l’attribuzione dei costi delle risorse alle attività si definiscono gli activity cost pool, ossia gli aggregati di costo corrispondenti alle varie attività.

Quarta fase – Determinazione dei driver delle attività ed attribuzione dei costi ai prodotti/servizi

I driver delle attività assegnano i costi delle attività ai prodotti/servizi realizzati sulla base del “consumo” delle attività stesse. Per questo motivo, tanto più la realizzazione di un prodotto/servizio è complessa, tanto maggiore sarà l’assorbimento di attività e, quindi, la quota di costi indiretti attribuita. I driver delle attività corrispondono generalmente a fattori che permettono una adeguata misurazione degli output delle attività individuati mediante i diagrammi di flusso. Se un’attività presenta più output differenti è opportuno scomporla in attività distinte.

Quinta fase – Definizione del costo pieno

Il costo pieno del prodotto/servizio si determina attraverso l’imputazione della quota di costi diretti oltre che alla quota di costi indiretti, identificata e calcolata come spiegato precedentemente.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi